Web Marketing Festival 2016: perchè non dovevi mancare

Logo web marketing festival

Durante i mesi di progettazione del mio blog personale, ti confesso che ho passato non poche ore a riflettere su quale poteva/doveva essere l’articolo giusto per rompere il ghiaccio e tagliare il nastro di partenza per l’avvio della sezione contenuti.

Poi accade che arriva Luglio, ti ricordi che è il momento di partecipare al Web Marketing Festival, e capisci che può essere proprio questo il primo articolo per inaugurare il blog!

Se sei tra quelli che non sanno cosa sia il WMF, si tratta di un evento interamente dedicato al Web Marketing Italiano, organizzato da Search On Media Group, tenutosi per il secondo anno consecutivo a Rimini presso il Palacongressi, e che coniuga Formazione, aggiornamento ed anche entertainment sempre in salsa 2.0.

L’ultima rassegna conclusasi ieri, è stata articolata in ben 24 aree tematiche, per un totale complessivo di 161 speech ed oltre 184 relatori.

interventi wmf

Senza ombra di dubbio, ti posso confermare che si tratta uno degli eventi più importanti ed imponenti dedicati al Web Marketing Italiano.

Web Marketing Festival 2016: la mia esperienza

L’appuntamento del 7 e 8 Luglio è stato per me il secondo viaggio alla volta di Rimini per partecipare a questa rassegna, cui ho il piacere di ritornare per una serie di motivazioni professionali ed affettive, di cui ti parlerò tra poco.

Il successo SEOZoom

Quello di quest’anno poi è stato un evento dal sapore speciale, in quanto la realtà presso la quale collaboro (la SEO Cube) è stata protagonista con SEOZoom, software di Search Marketing interamente pensato e realizzato da professionisti che vivono la SEO italiana in prima persona.

seozoom
fonte: Pagina Facebook SEOZoom

Se per te terminologie come Search e SEO sanno di novità non preoccuparti, ci saranno contenuti appositamente pensati per te; quello che qui mi interessa affermare è la felicità nel vedere riconosciuti sforzi e visione dei miei Boss Ivano Di Biasi e Giuseppe Liguori e tutto il team di sviluppo e Marketing che da quanto è iniziata quest’avventura sta investendo energie, passione e risorse per realizzare un progetto che fidati, non sai quanto può essere utile e prezioso verso chi, come me e te, fa o vuol fare Web in maniera professionale.

Perchè ho scelto di esserci

Per quanto mi riguarda, anche quest’anno sono giunto in Romagna con gli stessi obiettivi che mi prefisso ogni qual volta scelgo di partecipare a rassegne di settore:

  • Seguire gli interventi SEO per studiare, restare aggiornato, e sperare di poter portare valore aggiunto alla mia figura professionale
  • Perfezionare la conoscenza verso discipline correlate per le quali nutro interesse e desidero approfondire e apprendere nuove cose
  • Avere una panoramica delle ultime novità, topic e tendenze sul mondo digitale
  • Dal Digitale al reale: fa sempre piacere conoscere e rincontrare amici, colleghi e partner con cui chatti e ti scrivi un anno intero ma che per ragioni di tempo e distanza geografica non puoi mai scambiare due chiacchiere face to face, oppure ancora conoscere nuovi colleghi e professionisti verso i quali nutri stima e visione condivisa.

Scelgo SEO e Web Analytics

Il problema di quando si partecipa ad eventi così vasti e multi-tematici risiede proprio nell’impossibilità di poter presenziare fisicamente a tutti gli interventi che si reputa interessanti: per fortuna l’organizzazione metterà a disposizione slides e filmati degli speech, che mi riprometto di seguire appena disponibili!

La mie scelte sono ovviamente ricadute verso la sezione SEO, seguita il primo giorno, e Web Analytics affrontata invece la giornata successiva.

Gli interventi SEO al WMF

Sono onesto: prima di leggere il programma, ero perplesso e dubbioso circa l’effettiva funzionalità degli interventi non per mancanza di stima verso i colleghi protagonisti (al contrario) quanto piuttosto perché ritenevo che per accontentare il pubblico variegato presente alla rassegna, si sarebbe gioco-forza dovuto mantenere un approccio di tipo entry level.

Sala Web Marketing Festival
fonte: pagina Facebook Web Marketing Festival

Ho avuto invece il piacere di ascoltare interventi interessanti e di buon livello qualitativo, in grado di fornirmi spunti importanti sia per la didattica che per la parte operativa di tutti i giorni.

Paolo Dello Vicario, coetaneo ed amico prima ancora che stimato professionista, ha parlato di SEO Audit, sorpassando una volta per tutte l’approccio checklist e fornendo elementi strategici ed organizzativi che spero di aver interiorizzato e che mi riprometto di mettere in pratica sul versante professionale.

Michele Baldoni, ha riproposto il tema della delicatezza della migrazione di un sito web, e di quanto sia importante affidarsi alle giuste professionalità una volta che si pone questo problema.

Matteo Monari invece affronta uno degli argomenti che personalmente più ho a cuore, quello della Link Popularity e attività di SEO Off page. Questa volta l’accento non è tanto sul come e perché procacciarsi link verso le pagine dei nostri siti web, quanto elaborare e dispiegare un piano di ottimizzazione degli investimenti che tenga conto del tempo necessario, settore di riferimento e tutti gli elementi che vanno tenuti in considerazione quando si intraprende una campagna di acquisizione backlink che intenda produrre dei risultati.

Federico Sasso parla di Crawl Budget Optimization, sconfessando non poche leggende metropolitane che serpeggiano su un argomento tecnico ed effettivamente complicato, ed utilizzando un linguaggio chiaro e funzionale anche per chi non ha grosse competenze tecnico-informatiche.

Davvero importante il contributo di Mariachiara Marsella, che ripropone un’interessante ricerca elaborata sul valore dei Contenuti, al netto delle dichiarazioni ufficiali di Google e dei suoi “uomini”.

Completano la giornata formativa il trio formato da Martino Mosna, Enrico Altavilla e Maurizio Ceravolo, che hanno condiviso con la platea il loro punto di vista su argomenti Search e proposto un significativo esperimento sull’abitudine dei professionisti italiani a linkare spontaneamente risorse prodotte da portali tematici.

Secondo giorno, si passa all’analisi dei dati

Ti confesso che alle scuole superiori non ero molto bravo in matematica. Poi all’Università ho conosciuto degli ottimi insegnanti di Statistica ed Analisi dei dati per la ricerca sociale, che mi hanno fatto comprendere il valore dei numeri.

Come individuo che aspira a diventare un professionista del Digitale, non posso e non dovrò mai essere a digiuno di analisi e valutazione di traffico e comportamento degli utenti, motivo per il quale come secondo giorno di lavori ho deciso di impiantarmi nella sala dedicata alla Web Analytics.

Spunti interessanti sono giunti dagli interventi di William Sbarzaglia su real time Analytics e Marketing automation, così come da Riccardo Mares che ha fatto una disamina su alcune possibilità messe a disposizione da Google Analytics che non tutti sono soliti utilizzare.

Enrico Pavan mi ha dato infine la possibilità di approfondire il discorso legato al CRO, dove ho ben appuntato gli spunti strategici da utilizzare per la giusta comprensione del percorso di conversione da parte degli utenti. Ps. grazie per avermi fatto conoscere l’esistenza di Hotjar, provarlo sarà d’obbligo!

Web Marketing Festival: perchè dovresti partecipare?

Sono convinto che il WMF sia uno di quei momenti che non dovresti mancare di presenziare, qualunque sia il tuo ruolo nell’ecosistema 2.0 e qualunque sia la tua esperienza e livello di preparazione didattica.

Se sei come me un artigiano del Digitale, hai la possibilità di interfacciarti con chi è abituato a condividere i tuoi stessi problemi, soddisfazioni, gioie e dolori connessi al “lavoro su internet”. Spunti, riflessioni, ma anche critiche e divergenze di visione costituiscono elementi preziosi per la tua formazione e percorso di miglioramento professionale costante e continuo.

Se invece sei un imprenditore o una persona che intendere lavorare e fare business sul Web, sappi che sei nel luogo adatto per sondare tendenze, conoscere colleghi, stringere partnership, conoscere software, progetti web, o ancora modelli di business online che ancora non avevi considerato per il tuo progetto.

Per gli studenti o per chi desidera lavorare nel Digitale credo che il WMF possa essere il posto ideale innanzitutto per comprendere quali siano le figure richieste dal mercato per le professioni del web, capire cosa integrare alla propria formazione liceale o accademica, quali software bisogna necessariamente conoscere, sondare il proprio livello di preparazione, e sopratutto fare tanto, tanto, ma tanto network che chissà, magari aprirà per voi le porte della vostra prima esperienza professionale.

Quindi per il prossimo anno coinvolgete 2/3 amici, gli alberghi di Rimini sono economici e l’esperienza ne vale davvero la pena.  😉

L’appuntamento è al prossimo anno, un plauso doveroso va allo Staff Search On Media Group che ha saputo gestire una rassegna di cotanta complessità (unico appunto: cercare di gestire meglio gli overbooking ed evitare il doversi sedere a terra per seguire alcuni speech) e ha garantito un livello qualitativo dell’evento complessivamente buono. Al prossimo 2017!

Angelo Vargiu on EmailAngelo Vargiu on FacebookAngelo Vargiu on Linkedin
Angelo Vargiu
Angelo Vargiu
Consulente SEO & Titolare Get Optimized
Ciao! Sono Angelo Vargiu e mi occupo di SEO orientato all'aumento del traffico organico qualificato.
Aiuto PMI e Professionisti a raggiungere e incrementare i propri obiettivi di business attraverso il traffico organico dei motori di ricerca.

Chiama in Agenzia 081 18 63 9508 oppure Contattami col modulo sottostante per una prima Consulenza SEO gratuita e senza impegno!

Nome e Cognome (richiesto)

Email (richiesto)

Il tuo messaggio

Presto consento al trattamento dei dati inseriti nel form (obbligatorio)